Lenovo ThinkPad X1 Extreme: potente e completo è il giusto mix per lavoro e gaming

Lenovo ThinkPad X1 Extreme: potente e completo è il giusto mix per lavoro e gaming

Da ormai tantissimi anni, il marchio Thinkpad è sinonimo di produttività e business. E da sempre i computer Thinkpad, si sono contraddistinti per l’affidabilità, la solidità e il design facilmente distinguibile. In realtà però, probabilmente proprio per garantire affidabilità e prezzi non troppo elevati, mai nessun Thinkpad è stato prodotto utilizzando un hardware particolarmente spinto.

Poi però, ad IFA 2018 le cose sono cambiate, grazie a Lenovo che ha presentato una versione “Extreme” del suo nuovo Thinkpad X1, ed è stato in quel momento che il nuovo portatile dell’azienda si è trasformato da un semplice computer “da lavoro” ad una macchina in grado di gestire tutti, ma davvero tutti, i compiti affidatigli, giochi compresi.

I quattro strati di fibra di carbonio rinforzata, ricoperta di uno strato “gommoso” molto piacevole al tatto ma avido di impronte digitali, confermano la tradizione del brand, rendendo il ThinkPad X1 Extreme estremamente solido. La parte inferiore è realizzata in alluminio e nel centro della tastiera continua ad essere presente l’iconico Trackpoint, ossia il pallino rosso con il quale è possibile dirigere il puntatore. Molto interessanti le cerniere del monitor, che gli permettono di piegarsi di 180 gradi, ma non di ruotare su se stesso, ed estremamente ridotto il peso: parliamo di 1715 grammi, una cifra estremamente ridotta considerando l’hardware del notebook.

Ottimi materiali di costruzione, quindi, che grazie ai 12 test di conformità alle specifiche militari e ad oltre 200 controlli di qualità, rendono il Thinkpad X1 Extreme adatto a tutte le condizioni d’utilizzo: può funzionare ovunque, dalla montagna al deserto e addirittura in assenza di gravità.

Comoda anche la tastiera, con una corsa da 1.8mm, tasti molto solidi e una retroilluminazione su due livelli che fa bene il suo lavoro, ma molto fastidiosa la posizione del tasto Fn, che è stato inserito nella posizione del tasto CNTRL, e che spesso potrà essere premuto non intenzionalmente. In ogni caso l’esperienza di digitazione e la precisione del trackpad sono al top della categoria, proprio come in ogni altro Thinkpad che si rispetti, e la presenza del Trackpoint è una manna dal cielo soprattutto per determinate occasioni, come ad esempio quando è necessario spostare il puntatore al volo senza alzare le mani dalla tastiera. Certo, non è una funzione che cambia l’esperienza d’uso radicalmente, ma una volta abituati alla sua presenza non ne potrete più fare a meno.

Le configurazioni disponibili in fase di acquisto del ThinkPad X1 Extreme sono due, ma per ognuna di essa è possibile cambiare il processore, RAM, Storage ed altro. In ogni caso si tratta di una dotazione hardware estremamente completa. Il modello che abbiamo ricevuto in proba è animato da un processore Intel Core i7-8850H, 16 GB di RAM DDR4 e una scheda video Nvidia GTX 1050Ti con design Max-Q. E, tutto sommato, si tratta di una macchina che ha un ottimo rapporto tra prezzo e prestazioni.

Opzionalmente è possibile anche acquistare una configurazione con uno schermo touch 4K HDR, in grado di coprire il 100% della gamma Adobe RGB, ma si tratta di una versione dedicata specificatamente a chi svolge lavori di grafica, che chiaramente costa di più ed ha un peso superiore e un’autonomia inferiore.

La configurazione che abbiamo ricevuto in prova per questa recensione è riuscita a raggiungere ottimi risultati in tutti i benchmark che abbiamo realizzato, non piazzandosi ai primi posti, ma facendosi notare per un’eccezionale velocità di lettura, che ha superato i 3000 MB/s: un valore che non abbiamo riscontrato in nessuno dei notebook da noi testati. L’unico neo che abbiamo riscontrato circa l’hardware del Lenovo ThinkPad X1 Extreme riguarda la gestione delle temperature, estremamente conservativa, che tiene le temperature di CPU e GPU costantemente sotto i 90 gradi, anche in condizioni di stress: insomma, il termale throttling è presente ed interviene anche prima del necessario, anche se non abbassa radicalmente le frequenze. Il motivo di questa scelta di Lenovo è probabilmente una questione di longevità dei processori, ma in effetti è un peccato avere una macchina tanto potente e non poterla spremere al massimo.

La batteria è di 80 Wh e l’autonomia, come in tutti i Coffe Lake H varia molto in base all’utilizzo e al carico di lavoro. La presenza del monitor FullHD è un buon compromesso in termini di autonomia, che scende significativamente qualora si dovesse optare per la configurazione 4K HDR. In ogni caso, con un utilizzo medio e senza caricare troppo il processore e la GPU, sono riuscito ad ottenere oltre 7 ore e mezzo di autonomia, che scende ben sotto le due ore con una sessione di montaggio con Adobe Premiere.

Ma hardware a parte, l’esperienza d’uso del ThinkPad X1 Extreme è veramente spettacolare. Tutto è ottimizzato, veloce, e piacevole da utilizzare e la presenza di Vantage, un’applicazione unica con la quale si potranno gestire le varie periferiche di sistema, è solo la ciliegina sulla torta. Con Vantage infatti sarà possibile regolare l’alimentazione, l’audio e il video, aggiornare il sistema, disabilitare la webcam e ricevere supporto in caso di problemi.

La presenza della GTX 1050Ti con design Max-Q rende inoltre possibili anche esperienze ludiche piuttosto piacevoli, e quindi sì, per la prima volta nella storia di un ThinkPad, con l’X1 Extreme sarà anche possibile giocare. E con prestazioni anche piuttosto buone, che arrivano anche a 60 fps con titoli più complessi, ma che in Shadow of The Tomb Raider scendono intorno ai 30.

Il monitor del ThinkPad X1 Extreme che abbiamo ricevuto in prova è un 15.6″ con risoluzione FullHD e una piacevolissima finitura opaca che rende testo e immagini facilmente visibili. Bene ma non benissimo la luminosità massima di 300 nits, ottima l’intensità di neri e saturazione nonostante si tratti di un pannello IPS. Purtroppo però, il delta E della versione FullHd si avvicina ai 4, il che conferma che chiunque abbia la necessità di svolgere lavori grafici dovrà optare per la versione 4K HDR che, però, riesce a garantire solo 400 nits di luminosità massima.

Il Lenovo ThinkPad X1 Extreme è disponibile in Italia in due configurazioni, quella più “economica” parte da 1499 euro + iva ed integra un processore Intel Core i5, 8 GB di memoria RAM e un SSD da 256 GB. Quella più costosa invece, costa 1999 euro + iva ed integra una CPU Intel Core i7, 16 GB di RAM, 512 GB di SSD e un display 4K HDR Touch.

Ma qualsiasi sia la vostra scelta sappiate una cosa: il ThinkPad X1 Extreme è un computer estremamente solido, prestante e leggero. L’hardware di Lenovo lo rendono una delle opzioni più interessanti e dinamiche disponibili nel mercato, ed è adatto sia a momenti di lavoro che a momenti di svago. Insomma, nonostante sia fondamentale trovare la configurazione più adatta alle proprie esigenze, una volta acquistato un ThinkPad X1 Extreme, difficilmente lo abbandonerete per qualche altro dispositivo.

Fonte: Lenovo ThinkPad X1 Extreme: potente e completo è il giusto mix per lavoro e gaming

Lenovo ThinkPad X1 Extreme: potente e completo è il giusto mix per lavoro e gaming
Torna su

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi