Che cos’è il digital signage?

Quando si parla di digital signage si fa riferimento a un sistema innovativo grazie a cui la gestione della comunicazione multimediale e audiovisiva viene modificata in maniera radicale e messa a disposizione di tutti. Si tratta di una forma di comunicazione di prossimità che può trovare applicazione in una grande varietà di contesti, all’interno di edifici o all’aperto, per finalità commerciali o per comunicazioni istituzionali. Noto anche con i nomi di cartellonistica digitale, di videoposter o di segnaletica digitale, il digital signage permette di visualizzare i contenuti tramite videoproiettori o schermi elettronici che possono avere caratteristiche differenti a seconda delle necessità (per esempio, touch screen o non touch screen).

La caratteristica più interessante del digital signage va individuata nella possibilità di mostrare un certo messaggio in un certo momento e in un certo luogo. Per esempio, al di fuori di un ristorante può essere collocato un totem che, attraverso lo schermo, consenta ai destinatari di scoprire il menù del locale. I passanti potrebbero anche scorrere le pagine con un display touch screen, interagendo con i contenuti che vengono visualizzati. Questi ultimi, a loro volta, possono essere gestiti da remoto: ciò vuol dire che non c’è bisogno della presenza fisica di chi inserisce, modifica o aggiorna i testi, le immagini o i video forniti.

Si parla, a tal proposito, di modifica dinamica dei contenuti, proprio per mettere in evidenza il fatto che si può intervenire su di essi anche a distanza. In ambito pubblicitario, si ricorre al digital signage perché questa soluzione risulta più conveniente e più versatile rispetto ai cartelloni stampati. Uno stesso spazio pubblicitario, infatti, può proporre contenuti differenti da un minuto all’altro: il tutto è possibile con una semplice connessione a Internet. Vi sono reti di digital signage che possono essere equiparate a un vero e proprio canale televisivo: si pensi agli schermi presenti nelle stazioni della metropolitana di Milano, in cui i contenuti informativi si alternano con gli spazi pubblicitari. Dai video poster alle bacheche a scorrimento, è ampia e variegata la gamma di contenuti multimediali audiovisivi che possono essere creati e che, in base alle esigenze, sono videoproiettati o compaiono su schermi al plasma.

Il digital signage può essere sfruttato negli aeroporti, per dare informazioni a proposito dei voli, nelle stazioni ferroviarie o nei negozi, per esempio per consentire ai clienti di conoscere la disponibilità dei prodotti ricercati. Una enfatizzazione della user experience è il vantaggio principale che può essere ricavato in un contesto simile. Ma non è tutto, perché nelle gallerie dei centri commerciali i totem potrebbero essere adottati per far conoscere le offerte in corso e per presentare le promozioni e gli sconti previsti in tempi di saldi, in modo estremamente efficace. Nulla vieta, poi, di dare vita a una vera e propria segnaletica digitale, grazie a cui la clientela possa essere orientata nei propri comportamenti e nelle proprie decisioni di acquisto.

HDDS Vision è un’azienda italiana specializzata in digital signage: un punto di riferimento in un settore tecnologico che sta conoscendo una costante evoluzione.

Che cos’è il digital signage?
Torna su

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi