CROPP: l’app per gli agricoltori

Anche gli agricoltori hanno la loro App . Si chiama CROPP, è stata inventata da alcuni giovani ingegneri aerospaziali romani ed è stata presentata anche alla Nasa. Il gruppo di 7 ingegneri hanno ideato l’app in occasione della International Space Apps Challenge promossa dalla Nasa. 

Il compito era di risolvere una delle missioni che gli esperti della Nasa avevano dato ai partecipanti, in sole 48 ore.  

Ed ecco com’è nata l’idea di CROPP. 

il nostro obiettivo è quello di fornire informazioni agli agricoltori sullo stato di salute dei loro campi-dicono gli inventori della app– il monitoraggio comprende sensori locali per le misure a breve termine, mentre ottici e radar per immagini, acquisite dai satelliti, sono sfruttate per studiare l’evoluzione macroscopica di eventuali fenomeni pericolosi.  

Oltre ai fattori atmosferici generali, abbiamo scelto di concentrare la nostra attenzione su una grave piaga per l’agricoltura in diversi paesi: le invasioni degli insetti 

L’hardware comprende diversi sensori per misurare la temperatura, la pioggia, l’umidità del suolo, suoni da insetti nocivi e un attuatore in grado di cacciarli via. Questi componenti sono memorizzati in un dispositivo piccolo e basso costo chiamato Distributed dispositivo di misurazione. 

L’osservazione macroscopica utilizza una costellazione di satelliti già esistenti al fine di minimizzare i costi. I risultati vengono poi confrontati con riferimento alle condizioni ambientali per monitorare eventuali parassiti. 

Conoscere i parassiti diffusi in anticipo può notevolmente aiutare gli agricoltori e potrebbe anche essere utile agli scienziati come un modello per le previsioni future. 

Dopo essere stati a Houston per presentare il loro progetto agli ingegneri Nasa, i ragazzi stanno ora migliorando il loro prototipo.  

Un altro aiuto per chi ha un orto? Un robot. O meglio, un FarmBot. Ideato dall’ingegnere americano Rory Aronson si pone come un sistema open source perfettamente adattato alle esigenze dell’utente, per un agricoltura personalizzata, è stato programmato per qualsiasi tipo di raccolto, semina, distruggere le erbacce, irrora e raccoglie. 

Alla fine del programma invia una email invitando l’utente ad andare a raccogliere i prodotti. 

FarmBot è il computer che gestisce tutto e può curare una policoltura con poco sforzo. 

Anche Bayer ha siglato insieme ad un’azienda aerospaziale americana delle applicazioni che possano aiutare gli agricoltori nel loro lavoro. 

Gli agricoltori potranno monitorare le tempistiche di irrigazione per il risparmio di acqua, ricevere consigli sulle tempistiche di semina e reimpianto , oltre che ottenere una valutazione sulla capacità di assorbimento dell’acqua da parte del terreno. Un altro progetto prevede un sistema per la rivelazione della temperatura dalle chiome delle piante, che fornisce, su base settimanale, informazioni pratiche dalla germinazione al raccolto, attraverso l’identificazione delle aree problematiche del campo. 

CROPP: l’app per gli agricoltori
Torna su

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi