Come il Covid-19 ha modificato il sistema delle donazioni

L’epidemia del Coronavirus ha modificato il modo in cui le aziende percepiscono la salute dei propri dipendenti, dovendo offrire maggiore sicurezza sui luoghi di lavoro oppure aiutando altri enti a erogare servizi essenziali.

Ad esempio l’Organizzazione nazionale per le arti nella salute (NOAH) ha lanciato una campagna GoFundMe per aiutare a offrire programmi di arte espressiva gratuiti agli operatori sanitari: si tratta di  coloro che lottano con l'ansia e altri sintomi che potrebbero portare al burnout sulla scia della pandemia di coronavirus. Il programma, chiamato "Arts for Resilience in Clinicians" (ARC), presenterà artisti e terapisti d'arte che conducono progetti interattivi attraverso video e sessioni virtuali (su Newsforwellness tutti i dettagli sui vari programmi).

Il burnout in ambito sanitario è stato a lungo un argomento di preoccupazione, con studi che mostrano tassi   che vanno dal 44 al 54% nei medici, con tassi simili per e infermieri. Molti esperti sanitari avvertono che questi numeri aumenteranno a causa della pandemia.

Molte strutture sanitarie offrono programmi di benessere per il personale, e quelli di arte espressiva sono considerati tra i più efficaci quando si tratta di affrontare i sintomi del burnout. Per più di 30 anni, gli studi hanno dimostrato i vantaggi dell'integrazione delle arti nei programmi di benessere e salute mentale.

Il Covid ha anche portato molte aziende d espandere il settore delle donazioni, o spesso ad inaugurarlo. Vegamour, un'azienda di beauty con sede a Los Angeles ha annunciato nei giorni scorsi  donerà 5.000 maschere in stoffa alla CORE Foundation di Sean Penn, un'organizzazione senza fini di lucro che ha fornito gratuitamente test COVID19 nella California meridionale e ora si sta espandendo in altre città della nazione.

AbbVie, una società biofarmaceutica che si basa sulla ricerca, ha annunciato donazioni a 26 organizzazioni senza scopo di lucro per un totale di $ 5 milioni per sostenere gli aiuti immediati contro il COVID-19. Grazie al sostegno, queste organizzazioni daranno un ausilio agli operatori sanitari che sono in prima linea,  alle persone vulnerabili nelle comunità colpite più duramente. L’effetto sarà che 55.000 operatori sanitari avranno dispositivi di protezione individuale (DPI) essenziali nonché formazione; 50.000 bambini e famiglie potranno accedere a risorse essenziali tra cui l'assistenza sanitaria e l’istruzione; 30.000 persone che vivono senza dimora e altre persone a rischio usufruiranno di servizi vitali tra cui un riparo.

"COVID-19 colpisce tutti noi, i nostri figli, le nostre comunità e oltre. Ma come per ogni disastro, i bambini sono i più vulnerabili e  soffriranno di più – ha dichiarato Mark Shriver, Vicepresidente senior dei programmi statunitensi e Advocacy presso Save the Children – Dall'inizio della pandemia, Save the Children ha lavorato 24 ore su 24 per soddisfare le urgenti necessità dei bambini, incluso l'accesso ai beni primari come il cibo, alle risorse per l'apprendimento e al supporto sociale ed emotivo”.

Infine un totale di 34 organizzazioni no profit del Connecticut hanno ricevuto quasi 577.000 dollari dalla Harvard Pilgrim Health Care Foundation per le attività di soccorso contro il COVID-19.

La Harvard Pilgrim Foundation ha concesso  sovvenzioni nel suo round iniziale di finanziamenti a partire da metà marzo, per sostenere le esigenze della comunità colpite durante la pandemia, come il reperimento di cibo e la consegna dei pasti, i servizi per gli anziani e le famiglie immigrate, i servizi sociali e comunitari e la risposta alle emergenze. "Ora più che mai è così fondamentale supportare le nostre comunità e organizzazioni che stanno fornendo servizi ai residenti nel Connecticut colpiti da COVID-19 – ha affermato Paul Bartosic , direttore delle vendite in Connecticut per Harvard Pilgrim Health Care – L'impatto di questa pandemia è enorme e fin dall'inizio abbiamo risposto rapidamente ai bisogni immediati che devono affrontare i partner e le comunità no profit in tutto lo stato”.

Come il Covid-19 ha modificato il sistema delle donazioni
Torna su

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi